sabato 15 dicembre 2018

Don Abbondio e i bravi

Alcune anticipazioni in seguito alla prima puntata dell'attesissimo movie della 3 C, liberamente tratto dal capolavoro di Alessandro Manzoni: "I promessi sposi"!



Ciak, si gira!

Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno 7 novembre dell’anno 1628, don Abbondio...





– Or bene, – gli disse il bravo, all’orecchio, ma in tono solenne di comando, – questo matrimonio non s’ha da fare, né domani, né mai.

mercoledì 5 dicembre 2018

Alcuni spunti per... argomentare!

I videogiochi provocano danni ai ragazzi o possono essere uno strumento di apprendimento efficace?

Sei contrario o favorevole all'installazione di telecamere nelle aule scolastiche?

I compiti durante le vacanze sono utili per mantenersi in allenamento o andrebbero aboliti?

I fast food sono da chiudere? La famiglia e la scuola possono avere un ruolo importante in fatto di educazione alimentare?

Un ragazzo minore di 14 anni che ha commesso un reato non è imputabile: è giusto così oppure bisognerebbe modificare la legge? 

La musica trap è vera musica?

Le tecnologie ci stanno rendendo sempre più schiavi oppure semplificano e velocizzano le nostre vite? La velocità e la semplificazione sono sempre un bene?

E’ giusto farsi aiutare nell’esecuzione dei compiti a casa? O è meglio fare più fatica ma essere autonomi?




PARTECIPIAMO?


1. L’Associazione ‘Uniti per Crescere’ Onlus indice la seconda edizione del Premio Letterario Nazionale Uniti per Crescere sul tema “Diversamente uguali: la disabilità vista con gli occhi di bambini e ragazzi”. 
Il concorso vuole esplorare la percezione della disabilità nei bambini e nei ragazzi utilizzando la scrittura come strumento per veicolare emozioni, riflessioni, dubbi, paure e speranze. 
La disabilità infatti non appartiene ad un mondo separato dalla ‘normalità’, ma fa parte del nostro vissuto sin dall’infanzia. Il concorso si inserisce all’interno del più ampio progetto di inclusione del bambino con disabilità nella scuola e desidera offrire un’ulteriore possibilità al singolo alunno di crescere nella piena accettazione dell’altro.


2. Il Premio è articolato nell’unica sezione Narrativa

3. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti gli studenti frequentanti la Scuola Primaria, dalla classe terza, e la Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado. 

4. Gli elaborati saranno suddivisi nelle seguenti categorie: A: Scuola Primaria: classi terze, quarte e quinte; B: Scuola Secondaria di Primo Grado; C: Scuola Secondaria di Secondo Grado. D: una categoria speciale sarà riservata a fratelli o sorelle di una persona con disabilità; sarà a discrezione dell’autore scegliere se concorrere nella categoria speciale o in quella di appartenenza per frequenza scolastica. 

5. Le opere, inedite e redatte in lingua italiana, dovranno pervenire via posta in cinque copie inserite nello stesso plico. Ogni opera dovrà recare il titolo e la categoria cui partecipa, ma non dovrà riportare alcun segno di identificazione in modo da garantire l’anonimato per i lavori della Giuria. Nello stesso plico dovrà essere presente una busta sigillata contenente: - MODULO N. 1 DATI PARTECIPANTE - MODULO N. 2 ISCRIZIONE Entrambi i moduli, scaricabili dal sito www.unitipercrescere.net sezione Progetti, devono essere compilati e sottoscritti da un genitore o da chi esercita la patria potestà per i minori. Compilando il modulo di iscrizione al Premio Letterario ogni autore: - risponde dell’autenticità dei lavori presentati ed è consapevole che false attestazioni configurano un illecito perseguibile a norma di legge; gli organizzatori non si assumono la responsabilità per eventuali plagi; - autorizza l’Associazione ad utilizzare l’opera inviata, senza pretendere alcun compenso.

 6. Ogni opera dovrà avere un unico autore

7. Gli elaborati non dovranno superare le tre pagine dattiloscritte, per un massimo di complessive 9000 battute compresi gli spazi. 

8. Sono ammesse tutte le forme stilistiche (racconto realistico e fantastico, diario, lettera, biografia, etc…). 

9. Ogni autore può partecipare con una sola opera.

 10. Le opere dovranno essere inviate tramite posta cartacea entro il 31 marzo 2018 all’indirizzo Associazione Uniti per Crescere – Premio Letterario presso Prof. Giorgio Perilongo, Dipartimento Salute della Donna e del Bambino, via Giustiniani n. 3, 35128 - PADOVA (PD). 11. La Segreteria Organizzativa del Premio, all’atto della ricezione delle cinque copie cartacee, provvederà ad inviare una e-mail per confermare l’iscrizione al Premio. Il partecipante deve mantenere il proprio indirizzo Associazione ‘Uniti per Crescere’ Onlus Via Sanmicheli, 1 - 35128 Padova www.unitipercrescere.net | tel. 331. 78 139 81 associazione.unitipercrescere@gmail.com Codice Fiscale 92214630284 IBAN: IT 13 H 06225 12197 1000 0000 3333 e-mail operativo e funzionante per poter essere contattato. 12. Il materiale inviato non sarà restituito. 

13. Gli elaborati saranno valutati da una Giuria presieduta dall’autore di libri per ragazzi Luigi Dal Cin e nominata dal Presidente dell’Associazione in accordo con il Presidente di Giuria. La Giuria, oltre al Presidente, sarà composta da quattro membri selezionati sulla base di specifiche competenze ed esperienze. Le scelte della Giuria sono insindacabili e inappellabili, anche nell’eventuale decisione di non assegnare un premio. Il lavoro della Giuria sarà supportato da un incaricato scelto tra i soci dell’Associazione che assumerà il compito di segretario verbalizzante dei lavori.

 14. Per ogni categoria saranno premiati gli elaborati classificati al primo posto. 

15. I Premi saranno così suddivisi: Categoria A - Scuola Primaria, classi terze, quarte e quinte: 400 euro, dei quali 100 euro al vincitore e 300 euro alla scuola di appartenenza; Categoria B - Scuola Secondaria di Primo Grado: 450 euro, dei quali 150 euro al vincitore e 300 euro alla scuola di appartenenza; Categoria C - Scuola Secondaria di Secondo Grado: 500 euro, dei quali 200 euro al vincitore e 300 euro alla scuola di appartenenza; Categoria D - Fratelli di bambini con disabilità: premio al solo vincitore dello stesso importo previsto per la classe scolastica di appartenenza del partecipante. 

16. La Giuria si riserva di segnalare gli elaborati particolarmente meritevoli per originalità di stile e di tema. 

17. I Premi possono essere attribuiti ad un concorrente che sia già stato vincitore nelle precedenti edizioni solo dopo un intervallo di tre anni. 

18. L’Associazione darà comunicazione ai Vincitori e ai Segnalati a mezzo e-mail informando altresì sulla data di premiazione e le sue modalità. Tali riferimenti saranno visibili sul sito internet dell’Associazione.

 19. La Cerimonia di Premiazione sarà organizzata in forma pubblica. 

20. I Premi assegnati ai vincitori dovranno essere ritirati, se possibile, personalmente mediante presentazione di un proprio documento di riconoscimento entro e non oltre 6 mesi dalla data della cerimonia di premiazione. Ove non venissero ritirati, rimarranno di proprietà dell’Associazione che li utilizzerà a sostegno del Progetto di Inclusione Scolastica dei bambini affetti da patologie neurologiche. 

21. Per quanto non previsto dal presente bando, le decisioni sono rimesse al Presidente dell’Associazione. 

22. Il bando e la modulistica per l’iscrizione è reperibile sul sito internet dell’Associazione www.unitipercrescere. net. 

23. La partecipazione al Premio implica l’accettazione di tutte le norme del presente regolamento. La mancata osservazione del regolamento comporterà l’esclusione dal Premio.

domenica 2 dicembre 2018

INVITO IN BIBLIOTECA… CON DELITTO!


Una domenica insolita per i ragazzi assaghesi e alcuni genitori, alle prese con un mistero tra le mura della biblioteca comunale

Domenica 2 dicembre i responsabili della biblioteca comunale di Assago hanno organizzato un giallo interattivo destinato al pubblico dei ragazzi assaghesi, ma anche dei loro genitori, insegnanti e di chiunque volesse cimentarsi nella risoluzione di un intricato caso di sparizione!



Con grande maestria i bibliotecari hanno inscenato una vicenda ricca di suspense, disseminando indizi, per poi lasciare ai presenti il compito di scovare il colpevole.
I ragazzi dell’Istituto Comprensivo Margherita Hack hanno partecipato con entusiasmo e acume, per poi approdare a un finale degno di Agata Christie.



Grazie agli organizzatori Riccardo, Emanuele, Elisabetta, Lara, Lisa e soprattutto… Anna, che ha vestito i panni di un’irreprensibile bibliotecaria appassionata di letteratura russa e arti marziali!

mercoledì 28 novembre 2018

L'angolo del cinema (dei genitori)


Carnage

Ci sono almeno un paio di aggettivi che associo immediatamente a questo film del 2011 di Roman Polanski. Il primo è "disturbante", in senso fisico, reale, perché reali sono i protagonisti, nella loro assurda autenticità e, se ci capita di identificarci o "fare il tifo" per uno di loro, ne rimaniamo inesorabilmente spiazzati o avviliti.
Il secondo aggettivo è "claustrofobico" perché guardando il film si ha la sensazione che ci stia stretto un po' tutto: la casa dove l'intera vicenda è ambientata, la sceneggiatura implacabile e serrata, il climax, cioè l'intensità discendente che conduce ii personaggi inevitabilmente più verso l'abisso.
Si parla di figli, adolescenza, ma soprattutto di relazioni tra adulti e delle difficoltà comunicative che trasformano il dialogo in carneficina.
Bello lo spiraglio di speranza che affiora nella parte finale, con i ragazzi.

Prof.ssa Fabiana Sarcuno

mercoledì 7 novembre 2018

Filippo P. presenta... "Una barca nel bosco"


TITOLO: Una barca nel bosco


AUTRICE: Paola Mastrocola

EDIZIONE: 2006

PASSAGGI PIÙ IMPORTANTI:
Non è vero niente. Ogni gru è una gru a sé. Ci sono decine di modelli diversi. Io avevo pensato la seguente gru: alta e magra. Lui invece mi ha portato una gru cabina. Cogli la tragedia?
Li ho capito che nessuno ha la gru che vorrebbe.

PERSONAGGIO CHE MI HA COLPITO:
Zia Elsa, un nome come un altro, un’anima innocente travolta dai venti della disperazione.
Nel romanzo la sua parte viene spesso descritta come inerte, una donna che col passare degli anni si è sempre più chiusa in se stessa nel ricordare la felice vita passata col defunto marito.
Nonostante questo, è l’unica che riesce a capire Gaspare e nelle controversie di una vita crudele è l’unica che sa strappare un sorriso al nipote.

BREVE TRAMA:
Gaspare Torrente è uno fra le migliaia di ragazzini che emigrano da piccoli paesi del sud Italia, per andare nelle grandi città del nord a studiare.
Arrivato con sua mamma, una borsa e tanta speranza, Gaspare, talento ineccepibile nelle materie scolastiche, non vede l’ora di iniziare il liceo, un posto sconosciuto da lui e dalla sua famiglia di pescatori .
Con il passare dei giorni l’esclusione si fa sempre più sentire e il suo unico rifugio è il latino; amante delle poesie di Orazio, ogni pomeriggio si rinchiude nel retrobottega a tradurre interi poemi, aspettando che qualcosa cambi nella sua vita, questo accadrà, ma non in meglio.

COMMENTO PERSONALE:
Purtroppo non posso dire che questo libro mi sia veramente piaciuto, mentirei. Sinceramente ci sono due motivi per cui non metterei questo libro tra i miei preferiti: per me il racconto è veramente triste, spesso descrive emozioni nei suoi particolari più vividi e alcune volte pare inquietante; punto secondo, ha una narrazione molto lenta e può risultare noiosa in alcuni passaggi, il che, seppur di poche pagine, lo rende veramente un mattone.
Consiglio questo libro solo ai più appassionati delle lacrime.

martedì 6 novembre 2018

Lorenzo N. presenta... "Il ragazzo invisibile"



Titolo del libro: il ragazzo invisibile
Autore: Alessandro Fabbi, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo  
Casa editrice: salani editore
Anno di pubblicazione: novembre 2014

Breve trama del libro (senza svelare il finale!):
Michele, un ragazzo di 13 come tutti gli altri, vive in un paese vicino al mare. A scuola non va per niente bene, non si impegna e viene preso di mira dai bulli della scuola Ivan e Brando. Michele molte volte ha l'impressione che tutto proceda come se le persone neanche lo vedessero; infatti credo che la sua unica ragione per andare a scuola sia la sua compagna di classe Stella che a lui piace tanto ma che non lo nota. 
Michele però una sera a una festa capisce di non essere come tutti gli altri perché quella sera guardandosi allo specchio non riesce a vedersi: è diventato invisibile. Da quel momento Michele si sente un'altra persona, un supereroe, quello che voleva essere da sempre, e inizia nuove avventure con il suo nuovo potere scoprendo che...


Frase o passaggi che ti hanno colpito di più:
“Tutte le vostre paure e le vostre malinconie sono sentimenti importanti e anche utili, se imparate a capirle!”
“Fammi diventare invisibile!”

Breve descrizione del personaggio che ti ha colpito maggiormente: il personaggio che mi è piaciuto di più è Michele, che non viene mai notato dai suoi compagni e dalla sua compagna Stella, la ragazza che gli piace tanto. Poi di punto in bianco scopre di avere un potere che lo rende invisibile e...

Commento personale:
Il libro era molto bello e molto descrittivo, mi sembrava proprio di vivere le stesse emozioni, come se fossi io il protagonista.
Lo consiglierei a tutti i miei compagni che amano la fantascienza e i supereroi, so che anche il film è bello, quindi consiglio anche il film per chi non ama leggere.